La mascherina?.... non servirà ad evitare gli infarti da post pandemia

Webinar organizzato per domani pomeriggio dall'associazione G. Dossetti sul tema delle tante morti provocate indirettamente dalla pandemia, sopratutto per patologie cardiovascolari.Sul tappeto i ritardi della sanità pubblica a causa di liste d'attesa infinite

printDi :: 13 ottobre 2020 17:18
terapia intensiva

terapia intensiva

(AGR) A causa di liste di attesa infinite, nel post lock down molti cittadini rinunciano alle visite e alle cure cardiologiche. L’Osservatorio di Tutela Civica dell’Associazione G. Dossetti riceve, da mesi, segnalazioni da centinaia di cittadini che ci chiedono aiuto, perché, non tutti posso ‘permettersi’ la sanità privata. Quali le conseguenze? Ne parleremo con esperti cardiologi e Istituzioni Mercoledì, 14 ottobre 2020, dalle ore 16:30 alle 19:00, al Webinar “La ripartenza del cuore, evitare altri morti da COVID-19: morti ‘altri’, silenziosi e invisibili”.

I cittadini fragili, con patologie croniche cardiovascolari, si vedono rinviate visite e prestazioni e così pagano, a scapito della loro salute, il prezzo dell'emergenza sanitaria da post Covid 19. Da maggio, con la fase 3, la macchina del SSN si riavvia a rilento, la ripartenza della sanità NO COVID è a singhiozzo, e a macchia di leopardo, nelle 20 Regioni italiane. Una vera corsa a ostacoli, quotidiana, per medici e malati, che mina la salute dei cittadini e rischia di cancellare 20 anni di campagne di prevenzione per il cuore.

“L’emergenza Coronavirus è importante, ma gli altri malati non spariscono e hanno il diritto di curarsi” dichiara il Prof. Fedele, Policlinico Umberto I di Roma e responsabile del Dipartimento Cardiovascolare del Comitato Scientifico della Associazione Culturale “Giuseppe Dossetti: i Valori - Tutela e Sviluppo dei Diritti"

“Salvare il cuore al tempo del COVID-19” è il messaggio che lancerà mercoledì l’Associazione G. Dossetti: “la paura del contagio impedisce, a tanti, di andare al pronto soccorso. Pazienti, persone che, prima del Covid, sarebbero andati di corsa in ospedale, ma anche pazienti che rischiano di sospendere le terapie per non poter fare le visite di controllo o non poter fare diagnosi strumentali o analisi cliniche specifiche, perché spesso irraggiungibili”.

Oggi, a causa del Covid-19, la salute, non è più un diritto universale dato dall’art. 32 della Costituzione, ma è diventato un privilegio riservato a coloro che possono permettersi di rivolgersi alle strutture private.

Al dibattito parteciperanno: Sen. Stanislao Di Piazza – Sottosegretario di Stato per il Lavoro e le Politiche Sociali, i senatori: P. Binetti, L. Briziarelli, C. Leone, S. Lonardo, S. Malpezzi, F. Mollame, E. Pirro, M. Rizzotti, gli onorevoli: M. Bella, R. Boldi, F. Bologna, A. Ermellino, C. Gribaudo, Y. Lucaselli, G. Mulè, oltre all’Assessore alla Sanità Regione Puglia: Pierluigi Lopalco

L’associazione G. Dossetti, che da oltre vent’anni si batte per il diritto alla salute del cittadino dettato dall’art. 32 della Costituzione, su questo tema così delicato non può restare a guardare.

Urge, infatti, una ripartenza rapida, per evitare altre morti inutili. Una ‘valanga’ di prestazioni arretrate, sospese durante il lockdown, attendono risposte politiche urgenti. E, con il nuovo numero dei contagi, la situazione è ancora più allarmante.

È necessario riportare il malato cardiologico al centro del dibattito politico e programmatico, per non lasciare libero il campo a patologie letali: infarti, ictus e fibrillazione atriale, scompenso cardiaco e ipertensione.

Photo gallery

locandina evento

Partecipa anche tu, con un piccolo contributo, affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE