CARABINIERI: Minore utilizzata come "merce di scambio", ridotta in schiavitù e violentata a Catania. In carcere i genitori e il padrino

printDi :: 11 marzo 2022 10:15
Carabinieri Catania

Carabinieri Catania

(AGR) Su delega della Procura Distrettuale di Catania, i Carabinieri del Comando Provinciale di Catania hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Catania, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia etnea, nei confronti di tre soggetti indagati, a vario titolo, in quanto ritenuti responsabili dei reati di concorso in riduzione in schiavitù, atti sessuali con minorenne, violenza sessuale, sequestro di persona, cessione di sostanze stupefacenti, detenzione e porto abusivo di armi clandestine, ricettazione e minaccia a pubblico ufficiale, tutti aggravati.

L’indagine, coordinata dalla D.D.A. di Catania e condotta dalla Compagnia Carabinieri di Caltagirone dal novembre scorso, ha consentito di accertare, seppur in uno stato del procedimento nel quale non è ancora intervenuto il contraddittorio, un gravissimo quadro indiziario nei confronti degli odierni indagati (i coniugi M. S. e M. E., rispettivamente di 49 e 41 anni, nonché S. S. L., 43enne) ritenuti responsabili di spregevoli condotte nei confronti di una delle figlie minori dei citati genitori, appena quindicenne e quattordicenne al momento dell’inizio dei fatti contestati (verosimilmente dall’ottobre 2020).

Carabinieri Caltagirone

Carabinieri Caltagirone

In particolare, sulla base delle risultanze dell’attività di intercettazione è emerso un contesto familiare assai degradato nell’ambito del quale il padre e la madre della vittima, in ragione della situazione di grave indigenza economica e dimostrando un’assoluta incapacità genitoriale, avrebbero esercitato nei confronti della figlia poteri corrispondenti al diritto di proprietà, inducendola con violenza e minaccia ad intrattenere una relazione anche sessuale con S.S.L. (suo padrino di cresima), al fine di ottenere da quest’ultimo cibo e denaro. Nello specifico, la giovanissima ragazza, utilizzata quale vera e propria “merce di scambio”, sarebbe stata pertanto ripetutamente indotta ad accompagnarsi al “compare”, con cui aveva instaurato una relazione di convivenza, nonché ad intrattenersi presso la sua abitazione anche nelle ore notturne e a provvedere, tra l’altro, alla preparazione dei pasti e alle faccende domestiche.

Minore utilizzata come

Minore utilizzata come "merce di scambio", ridotta in schiavitù e violentata

In talune circostanze sarebbe altresì emerso che i genitori, oltre a intervenire sulla giovane affinché si riappacificasse con il convivente in caso di litigi con lo stesso, avrebbero altresì rimproverato e percosso la figlia, esortandola a “comportarsi bene”, a seguito delle manchevolezze comportamentali riferite dal predetto.

Il “padrino” della minore, pregiudicato per reati contro la persona e in materia di armi nonché all’epoca dei fatti affidato in prova ai servizi sociali per altra condanna, si sarebbe in un’occasione imposto fisicamente sulla quindicenne costringendola a consumare un rapporto sessuale non consensuale, mentre in un’altra l’avrebbe costretta a rimanere chiusa in casa, percuotendola, soltanto per essersi ribellata.

Inoltre, con riferimento alla figura del padre della ragazza, gravato da numerosi e gravi precedenti penali anche per reati contro la persona, è emerso che lo stesso, contattato da un’assistente sociale del comune di residenza per problemi di dispersione scolastica di un’altra figlia di dieci anni (tra l’altro anch’ella oggetto di interesse sessuale da parte di S.S.L.), avrebbe rivolto minacce di “fare danni” al predetto pubblico ufficiale al fine di costringerla a non disporre visite domiciliari.

A riscontro dell’oggettiva pericolosità di S.S.L. si rileva come lo stesso abbia in tempi diversi (nel dicembre scorso) ceduto vari quantitativi di marijuana ad un minore in prossimità della comunità ove quest’ultimo era stato collocato con provvedimento del Tribunale per i Minorenni, nonché abbia detenuto armi clandestine e munizionamento, portando in luogo pubblico un fucile doppietta a canne mozze e una pistola revolver mod. 375 magnum, rinvenuti e sequestrati durante l’indagine mentre erano nella disponibilità di una coppia compiacente, nella circostanza tratta in arresto.

Caserma Vincenzo Giustino

Caserma Vincenzo Giustino

I due uomini sono stati associati presso la locale Casa Circondariale, mentre la donna è stata tradotta nell’“Istituto a custodia attenuata per madri” di Avellino.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE