RomaNatura, nuovo punto di raccolta di olio esausto animale e vegetale al Parco dei Fornaciari

Maurizio Gubbiotti presidente RomaNatura:Una corretta raccolta differenziata dei rifiuti salvaguarda anche i Parchi, potenziato il servizio di raccolta oli esausti animali e vegetali nel sistema dei parchi di RomaNatura. E' stato predisposto, infatti, un punto di raccolto per olio esausto al Pineto

printDi :: 25 novembre 2021 13:19
punto raccolta olio

punto raccolta olio

(AGR) Allestito un nuovo punto di raccolta di olio esausto animale e vegetale al Parco dei Fornaciari, nel Parco Regionale Urbano del Pineto. “Stiamo proseguendo con la campagna di sensibilizzazione “recupera l’olio esausto, contribuirai a salvaguardare il Pianeta!” che come RomaNatura e Consorzio RenOils, specializzato nella raccolta, trasporto e recupero proprio degli oli esausti, stiamo portando avanti per il corretto smaltimento di uno dei rifiuti maggiormente inquinanti per l’ambiente  - dichiara Maurizio Gubbiotti, Presidente di RomaNatura. Il primo contenitore è stato posizionato nei mesi scorsi  a Via Gomenizza 81, presso la sede di RomaNatura all’interno della Riserva Naturale di Monte Mario, e sta ottenendo un grande favore da parte delle persone, oggi abbiamo attrezzato un apposito raccoglitore proprio in via delle Ceramiche, al Parco dei Fornaciari, nel Parco Regionale Urbano del Pineto, in sinergia e con l’impegno del Comitato Valle dell’Inferno - prosegue Gubbiotti, un servizio frutto di un processo di condivisione a favore della collettività, che coinvolge istituzioni, cittadini, comitati e associazioni nella gestione sostenibile dei rifiuti nei parchi e nelle aree verdi.”

Attraverso una attività di informazione e sensibilizzazione l’Ente Parco intende costruire una rete di raccolta capillarmente distribuita nel territori, partendo proprio dalla corretta gestione dello scarto dei comuni oli vegetali da cucina che costituisce un rifiuto altamente inquinante, in particolare se smaltito attraverso gli scarichi domestici e la rete fognaria con conseguenti ricadute negative sui processi di depurazione delle acque reflue.

“L’abbandono illegale dei rifiuti è un reato penale gravissimo che provoca danni per la collettività e troppo spesso vengono presi di mira proprio Parchi e Riserve, e quindi per noi è ancora più importante la raccolta dell’olio usato in contenitori dedicati – conclude Gubbiotti,  perché è uno degli interventi necessari per evitare gravi conseguenze ambientali al territorio e favorirne la corretta rigenerazione, facendolo diventare una preziosa risorsa per l’ambiente. Recuperare questo rifiuto liquido, proprio per la sua natura, è una sfida importante che richiede impegno e collaborazione di tutti.”

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE